Tag : internet

post image

Trading online vs asset allocation oculati!

Una delle informazioni più preziose imparate da qualsiasi esperto di trading è quella relativa alla gestione del proprio asset allocation. I docenti, per asset allocation intendono l’insieme di tutte le forme di investimento effettuate per creare ricchezza. Dagli investimenti a basso rischio fino al trading online dei derivati.

Quello che colpisce i neofiti sono generalmente i numerosi esempi di persone diventate ricchissime utilizzando la divisione degli asset in maniera corretta. Sui blog e siti che parlano di trading online, di forex, di trading dei derivati, si trovano numerosissime frasi che esortano a fare trading con la possibilità di guadagni straordinari sfruttando leve eccezionali e tutto in poco tempo. Ma raramente scrivono anche che il rischio di perdere i propri soldi è molto elevato, che solo il 20% delle persone guadagna soldi con il trading dei derivati e meno del 4% ne diventa ricco.

In questo articolo si vuole perciò esprimere il concetto principale appreso nella lunga esperienza di un esperto trader relativamente a ciò che riguarda gli asset di investimento:

Il primo passo è dividere i propri soldi in 2 tipologie:
A) Soldi accumulati che possono essere investiti;
B) Soldi derivati da entrate e rendite che possono essere investiti periodicamente;

Il cumulo dei primi va diviso, tenuto conto anche delle proprie capacità e competenze di investimenti e trading online, nel seguente modo:

Il 40% in prodotti finanziari a bassissimo rischio.
Il 50% in prodotti azionari a lungo periodo.
Il restante 10% in prodotti derivati.

La seconda tipologia di soldi è meglio investirla come segue: Il 25% in piani di accumulo garantiti; Il 25% in piani di accumulo azionari; Il restante 50% per ingrandire il capitale di investimento tra azionario e derivati;

Descritto in questo modo sembra facile. Gestire i propri soldi, comunque, non è mai facile, davvero. Bisogna studiare e anche se si decidesse di domandare ad esperti sulla gestione dei propri soldi, bisogna avere almeno le competenze di base per capire cosa si sta facendo e dove le nostre economie andranno a finire.

Insomma un buon investitore che vuole diventare ricco (e restarci) attraverso il trading online deve dividere i propri investimenti costruendosi un asset allocation oculato.

 

Cosa sono i Trading System?

Per operare sui mercati finanziari, attraverso il trading online, è fondamentale avere una strategia ed una tattica. Chiunque faccia trading, consapevolmente o inconsapevolmente,decide di entrare o uscire dal mercato per un motivo che può essere di carattere intuitivo oppure razionale.

post image

Trading online e Money management

Nell’immaginario comune chi fa trading online, gioca in borsa e punta su delle azioni o su dei derivati per guadagnare soldi. Questo vale solo per i disorganizzati e ai traders della domenica (giorno in cui non si scambia, del resto).

Il Trader professionista si comporta in un’altra maniera, decisamente più produttiva. Intende il trading online come parte di un suo modello di money management (gestione del denaro). Pensare al trading online, soprattutto se fatto con i derivati, come unica strategia di guadagno e unica strategia per arricchirsi, è decisamente molto rischioso. Non bisogna mai dimenticare che si può perdere tutto, soprattutto se si fa trading con i derivati.

Il modello ideale per guadagnare attraverso i mercati finanziari è quello della gestione dei propri soldi attraverso un’eccellente money management. Esistono molti modelli diversi, alcuni studiati dalle università e proposti da grandi economisti, ma in questo blog vi voglio presentare un modello molto semplice e facilmente applicabile da tutti.

Di seguito presentiamo un buon modello di money management, elencandovi alcune regole che lo compongono:

Il valore dei soldi non è uguale per tutti.

Non tutti i soldi hanno lo stesso peso nel bilancio di una persona o di una famiglia. Non tutti i soldi possono essere investiti, e non tutti i soldi possono essere utilizzati per il trading online. In base al proprio tenore di vita, ai propri averi e alle proprie entrate si può costruire il modello di gestione economica ideale. Sicuramente bisogna destinare parte dei propri fondi alle attività che reputiamo produttive senza intaccare la sicurezza economica della propria famiglia.

Dividere i propri soldi in varie sacche.

Questo è il principio principale che regola questo modello di money management. Non tutti i soldi servono alle stesse cose o possono essere utilizzati per le stesse funzioni. Le sacche hanno scopi diversi e devono essere trattate diversamente.

Le sacche sono le seguenti:

1) Sicurezza economica.

2) Cash flow familiare per mantenere il proprio tenore di vita.

3) Piani di accumulo.

4) Quota per gli investimenti in rendite.

5)  Quota per gli investimenti in borsa (investimenti in azioni + trading online su derivati).

Utilizzare i soldi per il trading online che si è disposti a perdere.

Nessuno vuole perdere i propri soldi. Ma se proprio bisogna rischiare, meglio non toccare né i soldi per la propria sicurezza economica né quelli che servono per vivere decorosamente. Se si utilizzano soldi che possono essere persi, la gestione psicologica del proprio trading online è più agevole e i risultati saranno decisamente migliori.

La vera ricchezza la si costruisce attraverso le rendite.

Per rendite intendo quelle attività che fanno entrare una certa quantità di soldi, periodicamente e nel tempo, senza lavoro, o con pochissimo lavoro (meglio se delegabile).  Parlo di vera ricchezza perché le rendite permettono di preservare il bene più prezioso che abbiamo, il nostro tempo.

Penso inoltre che gli sforzi lavorativi devono essere profusi non solo per riuscire a guadagnare di più, ma soprattutto per crearsi rendite. I soldi meglio investiti non sono soltanto quelli che permettono un ottimo guadagno immediato ma anche quelli che portano a un piccolo guadagno per sempre o per buona parte della propria vita. Insomma meglio un uovo tutti i giorni che una gallina una volta sola.

Disciplina sull’accumulo e sulla gestione dei propri soldi.

Quando si decide di riversare parte delle proprie entrate in una delle sacche sopra esposte, è fondamentale essere disciplinati. Se, ad esempio, è stato deciso, per il proprio money management, che il 10% va sempre nella sacca della sicurezza, non bisogna farsi tentare di utilizzare quei soldi per altri scopi.

Inoltre, parte del proprio tempo deve essere investito nella ricerca e nello studio delle rendite. Nessun uomo si può davvero sentire ricco se per mantenere il proprio tenore di vita (per quanto alto possa essere) è costretto a lavorare sempre.

Queste 5 regole sono ottime per costruire un semplice e potente money management.

post image

Motivazioni inconsce nel trading online!

Tutti commettono errori quando fanno trading online, chi più chi meno se ne rende anche conto ed è anche in grado di capire qual è stato l’errore.

Ma se questa affermazione è vera perché molti trader cadono spesso nell’errore?

Perché molti trader ripetono gli stessi errori?

La verità è che non si conosce il modo per evitare alcuni degli errori più comuni. Spesso la ragione è che non si capisce che la causa sono le proprie motivazioni inconsce che spingono ad avere un atteggiamento particolare.

Ad esempio ci sono persone che vogliono avere sempre ragione, e spesso, inconsapevolmente, non si rendono neanche conto che hanno commesso un errore, per evitare l’ammissione implicita della sconfitta.

Queste persone sono quelle che difficilmente stabiliscono uno Stop Loss, perché li mette in condizioni di dover accettare anche un caso di perdita.

Anche se consapevolmente si rendono conto che sarebbe la cosa più saggia da fare, trovano tante scuse per non farlo. Spesso si utilizza anche la “razionalizzazione” attraverso il proprio dialogo interno (Per razionalizzazione, in psicologia, si intende un’argomentazione che ha solo l’apparenza della razionalità e viene da noi stessa creata proprio per mettere a tacere il nostro io razionale, che evidentemente obbietta) per non fissare lo Stop Loss. In questo caso non si analizza razionalmente la realtà della borsa e si commettono molti errori nel trading online. Insomma c’è il rischio di raccontarsi uno scenario borsistico non  veritiero e restar convinti che quella descrizione è la realtà.

Quando si dice che la vera differenza nel trading online la fanno le emozioni e la propria gestione delle emozioni, si parla anche delle motivazioni inconsce che possono essere un acceleratore di risultati o un freno pericoloso.

Trader vincenti vs trader perdenti!

Qual è la differenza tra un trader che sa guadagnare e un trader che invece è solito perdere denaro? Cosa fa davvero la differenza nel mondo del trading online? Quali sono le caratteristiche che deve sviluppare un operatore di borsa per guadagnare molti soldi?

Il mondo della finanza si pone queste domande da molto tempo e sono state ipotizzate molte risposte. Chi da molto peso alla conoscenza, chi alla tecnica, chi anche alla buona sorte, ma ultimamente la maggioranza degli esperti è d’accordo sull’affermare che la differenza la fa la psicologia. L’atteggiamento mentale e la gestione delle proprie emozioni sono determinanti per avere successo nel trading online.

A riguardo è utile parlare di uno studio di Terrance Odean che ha raccolto le storie di trading di oltre 10.000 account e ha tirato fuori dei risultati davvero molto interessanti:

La maggioranza dei trader ha fatto peggio del mercato.

Metà dei trader  attivi ha raggiunto il punto di pareggio.

Meno del 20% ha realizzato un guadagno.

Circa l’1% ha realizzato un guadagno importante oltre il 5% mensile.

La maggioranza delle persone, anche se molto preparate perde soldi con il trading online. L’errore principale commesso è quello di tenere a lungo un’azione perdente con la speranza o illusione che possa ritornare a guadagnare o perlomeno a ridurre la perdita. Questo errore è dovuto soprattutto alla cattiva gestione emozionale del trading.

In definitiva si può dire che la gente non perda soldi perché incapace o per mancanza di competenza ma che la principale differenza fra trader di successo e trader che perdono soldi è psicologica. Praticamente, oggi, i trader hanno le stesse informazioni e dopo qualche mese anche una competenza simile, ma i comportamenti e la gestione del trading online è differente.

Trading online, condividere o non condividere le proprie dritte?

Quello che maggiormente piace del mondo del web è l’atteggiamento a condividere ogni forma di informazione e ogni forma di conoscenza. Grazie a questo atteggiamento e a questa “fede” il web si è sviluppato in maniera straordinaria ed è diventato un’enciclopedia alla portata di tutti. Si può trovare tutto a patto di saperla cercare.

Ma questi effetti straordinari, della condivisione di idee e di informazioni, sarebbero così produttivi anche con il Trading online?

Quando si parla di soldi, purtroppo, non si è così tanto disposti a parlare apertamente e a condividere con altri i propri successi o i propri fallimenti. Per quello che riguarda il trading online, inoltre, c’è l’aggravante di trovare strade di guadagno e di non condividerle con altri.

Io personalmente, sono decisamente convinto, che la condivisione, nel medio lungo periodo porta a risultati straordinari per tutti. Tra i benefici maggiori troviamo:

Velocizzare i periodi di apprendimento

L’apprendimento nel trading online   è determinante. Non si possono fare guadagni importanti senza un’adeguata formazione. Più si è preparati e maggiori sono le possibilità di raggiungere guadagni attraverso il trading.

Quando si fa parte di un gruppo di trader che condividono il loro sapere e le loro strategie si possono imparare, molto velocemente, una quantità di informazioni che da solo sarebbe impossibile fare.

Notare cose che da soli sfuggirebbero.

Non possiamo concentrarci su tutte le sfaccettature di una questione, e questo vale in tutti gli ambiti della vita e anche nel trading. Quando si fa parte di un gruppo, spesso, in maniera naturale ogni persona si concentra su qualcosa che magari agli altri è sfuggita.

La possibilità di poter controllare più titoli contemporaneamente.

Uno dei fattori di maggior successo nel trading online è la possibilità di poter controllare su un numero importante di titoli i segnali di entrata o di uscita. Se si è un gruppo si moltiplica il numero di titoli controllabili.

Migliora la gestione delle emozioni.

Il gruppo mitiga gli eccessi emotivi. Si abbassano gli entusiasmi e si controllano le frustrazioni. Un eccellente trader resta in uno stato di lucidità e in uno stato emotivo abbastanza neutro.

Quindi penso che la condivisione, soprattutto tra traders di valore confrontabile può fare davvero la differenza nel trading online.

Effetto delle commissioni nel day trading online!

Le commissioni hanno un grande impatto in termini di redditività nel sistema di day trading online.

Potrebbe succedere che le commissioni diventino la parte che si “mangia” il guadagno creato attraverso una proficua azione di day trading online, perché vengono addebitate in ogni piccola operazione intraday.

Conoscere quanto incidono le commissioni sulla strategia di day trading online permette di migliorare e settare diversamente il proprio sistema di trading online giornaliero per aumentarne la redditività.

Vediamo un esempio per rendere più esplicito l’effetto delle commissioni.

Supponiamo che durante una seduta di borsa di una giornata, vengano effettuate 10 operazioni, ognuna investendo 400€. Per semplificare i calcoli faremo le seguenti ipotesi:

7 volte su dieci guadagniamo 40€

3 volte su 10 perdiamo 40€

Se non ci fossero le commissioni, il guadagno giornaliero complessivo sarebbe stato di 160€ investendo 4000€ con un guadagno percentuale del 4% (niente male per un giorno di trading online).

Ora rifacciamo i calcoli aggiungendo come ipotesi che la commissione è di 8€ (senza parte variabile in percentuale sull’investimento).  Quindi per le 10 operazioni il costo totale per la nostra giornata di trading online è di 80€.

Insomma il guadagno si dimezza creando una resa netta del 2% e non più del 4%.

Quindi quando si opera nel day trading online, bisogna sempre tenere ben chiaro quanto incidono le commissioni sulla redditività delle operazioni in borsa effettuate.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi