Archivio per : Mar, 2016

post image

Differenza tra forex e trading

IL Forex è il mercato finanziario più liquido del mondo. Su questo mercato, infatti, vengono scambiate giornalmente valute per un valore di migliaia di miliardi di dollari. Ovviamente questa enorme mole di denaro porta dei grandi vantaggi per chi decida di operare in questo mercato. Queste caratteristiche peculiari, poi, forniscono anche la spiegazione delle principali differenze che esistono tra il forex ed il trading tradizionale. Per iniziare a descrivere nel dettaglio questi scostamenti, si può parlare dell'apertura dei mercati. Infatti il trading sulle azioni segue necessariamente degli orari preimpostati che sono, poi, quelli di apertura delle borse. Il Forex, invece, è sempre aperto, 24 ore su 24, questo è possibile perché l'apertura dei vari mercati forex mondiali sono organizzate in maniera tale da non lasciare mai vuoto il mercato. Esistono alcune piccole differenze tra i vari mercati ma nessuna di questa comporta gravi difficoltà per il trader. In sostanza, quindi, si può sempre operare sul Forex, scegliendo il periodo della giornata che è più comodo. Un'altra importante differenza è quella che riguarda il costo delle operazioni.

Nel trading di azioni od obbligazioni, l'intermediario riceve una commissione sulle operazioni che di solito è abbastanza rilevante per l'investitore. Nel Forex, invece, non vi è alcuna commissione ed i broker guadagnano sullo spread durante le operazioni di acquisto e vendita. Questa voce di costo, comunque, è decisamente inferiore per chi vi opera e questa certamente è una differenza che porta un vantaggio al mercato del Forex. La liquidità, poi, gioca un ruolo molto importante per la fissazione dei prezzi e l'esecuzione degli ordini. Sul mercato delle valute, infatti, esiste quasi sempre una controparte disposta a concludere l'affare proposto. Questo fa si che l'esecuzione dell'ordine sia praticamente immediata e che il prezzo pagato sia ragionevolmente prevedibile. Nel mercato azionario, invece, succede spesso di non avere la certezza del prezzo perché esso è fortemente condizionato dalla volatilità del mercato stesso e dalla presenza o meno di una controparte interessata.

Anche la connessione tra il trader ed il mercato è un elemento che porta grandi differenze tra questi due mondi. Infatti nel trading azionario si è costretti a passare tramite un intermediario e questo comporta, solitamente, l'aumento sia dei costi che dei tempi di gestione dell'ordine. Nel mercato del Forex, invece, il broker ha il solo compito di collegare l'utente alla rete di vendita e sarà lui stesso ad effettuare le operazioni che ritiene più convenienti. Altra differenza fondamentale è il numero di titoli da tenere sotto controllo. Per riuscire a creare un guadagno nel mondo azionario è necessario studiare molte società differenti per cercare di capire quale sia il momento ideale per operare e su quale titolo. Nel mondo del Forex, invece, esistono differenti coppie di valute ma è possibile anche specializzare la propria azione su un paio di esse e cercare di guadagnare sulle operazioni a loro riferibili.

post image

Trading Meccanico

Il trading classico richiede molta cura e dedizione, in particolare al monitoraggio dei mercati, tuttavia non tutti hanno tempo e voglia di stare attaccati al computer per poter seguire al meglio i mercati. Poi, chi è impegnato con un lavoro particolare, che magari lo costringe a stare fuori o in viaggio, non ha proprio tempo da dedicare al monitoraggio del trading. Per queste tipologie di persone, che hanno poco tempo o preferiscono starsene al mare o in dolce compagnia, piuttosto che davanti allo schermo del computer, è suggeribile di valutare il sistema di cui parleremo a breve.

Set & Forget

All’interno del trading online esistono almeno un paio di strategie, per così dire meccaniche, diverse. La prima delle due strategie è completamente del tipo “set and forget”, ovvero piazza l’ordine e scordati della sua esistenza. La seconda invece necessità di qualche controllo di tanto in tanto.

 

Il sistema non utilizza nessun pattern o altro marchingegno che possa far pensare all’analisi tecnica o ad un trading di tipo discrezionale (se non nella scelta della barra di riferimento che una volta scelta resta), si può definire completamente meccanico, nonostante l’essenza di questo sistemino si basi sull’assunto principale dell’analisi tecnica: “I prezzi si muovono per tendenza”.

 

Qualunque opinione vi siate fatti in passato sull’analisi tecnica o qualunque sia l’idea che vi farete dopo aver eseguito degli approfondimenti in merito a questo argomento, basta semplicemente guardare un qualunque grafico per capire che l’affermazione: “I prezzi si muovono per tendenza” è innegabile. Imparare ad osservare questi grafici è fondamentale per effettuare un’analisi adeguata, per questo esistono anche molti corsi e-learning online per imparare l’argomento.

 

Se è vero che i prezzi nel mercato si muovono formando dei trend nei vari frame del tempo, allora è chiaro che nel momento in cui il trend parte al rialzo i prezzi toccheranno livelli mano mano sempre più alti, questo almeno per un determinato periodo di tempo. Viceversa, toccheranno livelli sempre più bassi nel corso di una tendenza al ribasso, fin quando non invertono cambiando direzione e formando un trend nella direzione opposta. Di conseguenza, con questo sistema si tenterà di acchiappare il trend che si sviluppa, non importa quale sia la sua direzione, e, si sarà anche pronti a prendere la perdita nel caso di fallimento e ad entrare nell’opposta direzione.

Tra i molti vantaggi di questo tipo di trading c’è sicuramente quello di essere poco “coinvolti” nel monitoraggio e a livello operativo, dall’altra però questo sistema si basa su una serie di schemi fissi che spesso non vanno di pari passo con i cambiamenti costanti di questo mercato.

 

post image

Il forex: cos’è e a cosa serve

Nel mondo del web, c’è un’attività che ha iniziato a prendere piede non solo in Italia, ma anche nel resto del mondo: il trading online. L’attività del trading, veniva praticata ancor prima della nascita di internet, in modo totalmente manuale Dopo l’avvento della grande rete, il lavoro di chi praticava quest’attività è diventato più semplice e comodo.

 

Il trading consiste nella compravendita di alcuni tra gli strumenti finanziari, come titoli di stato, obbligazioni e altro ancora, direttamente usando internet. Il vantaggio di effettuare queste operazioni direttamente dal web è sicuramente per gli investitori, in quanto risparmieranno sul costo delle varie commissioni, e di non minore importanza sicuramente anche la possibilità di controllare personalmente l'andamento del mercato e di conseguenza indirizzare con maggiore accuratezza i propri investimenti.  Un dei metodi più utilizzati per fare trading online è il Forex.

 

Il Forex, per investire sul trading online, lavora solamente su coppie di titoli e sul valore che viene assegnato ad ogni coppia di valute, che vanno dal dollaro all’euro, dalla sterlina al franco e così via. Andiamo quindi a scoprire come si può operare sul forex per investire nel migliore dei modi.

 

Gli aspetti del Forex

 

Chi pratica il Forex, dovrà fare delle previsioni sull’andamento delle valute di tutto il mondo. Sarà quindi importante informarsi e studiare il mercato finanziario, in modo da capirne i movimenti e i cambiamenti che possono avvenire per poter fare una previsione. Ovviamente chi investe con il metodo del Forex non è affatto Nostradamus, bensì conosce i trucchi per capire l’evoluzione di una situazione nel mercato finanziario.

 

Come potete ben capire, non è affatto facile l’utilizzo di questo metodo. Nonostante questo però, è un metodo molto utilizzato in questo ambito, in quanto ci sono stati molti partecipanti importanti, che hanno funzionato da fonte d’ispirazione per molti altri trader, creando così una variazione sul mercato finanziario.

 

Chi utilizza il Forex, sono i Governi, programmando degli obiettivi con lunga scadenza, diretti per le economie aziendali, le corporazioni, le banche ed infine i traders. Quindi come abbiamo appena detto, il metodo del Forex può portare ad incredibili benefici finanziari per chi ne fa un giusto ed adeguato utilizzo e proprio questa caratteristica lo porta ad essere sempre più popolare.

 

Gli indicatori forex

Per conoscere meglio il mercato del forex, vengono utilizzate diverse strategie e vengono fatte determinate analisi. Per aiutarsi in ciò, degli esperti del settore utilizzano degli indicatori forex per riuscire a fare previsioni sempre più affidabili ed adeguate.

post image

Cosa bisogna sapere sulle opzioni binarie

Le opzioni binarie possono essere considerate delle assicurazioni online sul proprio patrimonio, ma solo a patto di essere in grado di compiere gli investimenti giusti: e per farlo non c'è altra soluzione che quella di studiare, per conoscere nel dettaglio il settore. Nel caso in cui il trading abbia successo, infatti, le opzioni binarie assicurano un guadagno notevole, ma se le "puntate" hanno esito negativo il rischio di perdere quasi tutto il capitale depositato nel giro di poco tempo è molto elevato. Facendo un paragone con il poker, non è esagerato parlare delle opzioni binarie come all in, in cui si perde o si vince tutto a seconda dei casi. Non è solo questione di buona o di cattiva sorte, però, ma anche di competenza e di conoscenza del mercato e dei vari asset (dalle materie prime alle valute, dai titoli alle azioni) su cui si decide di puntare.

Ecco perché chi si cimenta nelle opzioni binarie deve basarsi su una strategia accurata e studiata in anticipo, non disdegnando di utilizzare strumenti di analisi tecnica grazie ai quali sperimentare novità e proposte. Il punto di partenza non può che essere, comunque, la scelta di un broker di comprovata affidabilità. Ormai se ne possono trovare molti, e il panorama è molto più sicuro rispetto a qualche anno fa: è sufficiente verificare che la Consob abbia approvato il broker a cui ci si rivolge per avere la certezza di non incappare in truffe o imprevisti.

Un aspetto molto importante che merita di essere preso in considerazione è il cosiddetto tasso di salvaguardia, noto anche come tasso di assicurazione: si tratta, in pratica, di un risarcimento o rimborso spese, vale a dire la percentuale di capitale che viene restituita dal broker al trader nel caso in cui la posizione aperta scada in perdita, o – per adottare il gergo tecnico – out of money. Tale percentuale non è molto elevata, e si aggira in genere tra il 10 e il 15%, almeno per le opzioni binarie tradizionali il cui rendimento è di solito compreso tra il 70 e l'85%.

Grazie a questa sorta di paracadute ci si può proteggere in caso di puntate e previsioni non corrette. Il tasso di assicurazione diventa più alto, invece, se si scelgono le opzioni builder, che permettono a chi trada di stabilire la percentuale di rendimento a discapito del tasso. Come si vede, non si tratta di concetti sempre intuitivi e immediatamente comprensibili: ecco perché chi è intenzionato ad avvicinarsi alle opzioni binarie è tenuto a studiare approfonditamente. 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi